Il fascino del borgo medievale, le meraviglie naturali del Parco Nazionale della Majella, le rinomate sorgenti termali. Questi sono i motivi che fanno di Caramanico Terme, in provincia di Pescara, uno dei Borghi più Belli d’Italia. E lo rendono il luogo ideale per un soggiorno in Abruzzo all’insegna del relax e della natura.

Incastonata su uno sperone di roccia alla confluenza dei fiumi Orta e Orfento, Caramanico Terme rivela la sua origine longobarda nell’impianto urbanistico affusolato, tipico delle fortificazioni militari.

Veduta panoramica di Caramanico Terme
Veduta panoramica di Caramanico Terme

Il borgo ti conquista con la bellezza del suo centro storico, dei suoi vicoli, dei suoi palazzi. Qui amo passeggiare tra le ruelle, gli stretti vicoli di pietra, per poi sbucare nelle piazzette deserte. E fermarmi a fotografare i portoni dei palazzi barocchi, le antiche fontane (da dove sgorga acqua potabile) e gli  incredibili scorci sulla montagna.

Centro storico
Centro storico di Caramanico Terme

Grazie al prosperare dell’agricoltura, della pastorizia e, a partire dal Seicento, della produzione della seta, Caramanico Terme conobbe un lungo periodo di fioritura economica. Alle maestranze locali e ai migliori artisti del Centro Italia venne affidata la costruzione delle chiese e dei palazzi signorili. Il terremoto del 1706 distrusse gran parte del borgo e così nei decenni successivi nuovi edifici barocchi si sostituirono a quelli medievali andati perduti.

Cosa vedere a Caramanico Terme

La visita al centro storico di Caramanico Terme inizia da Corso Gaetano Barnardi, la via principale per poi procedere verso la parte  bassa del borgo.

Tra i monumenti di maggior interesse, spicca la chiesa romanica di Santa Maria Maggiore, con lo splendido portale gotico e la sfilata di statue quattrocentesche sulla parete esterna dell’abside.

Romanica è anche la chiesa di San Tommaso d’Aquino, o di San Domenico,  con il maestoso portale medievale. La chiesa di San Nicola da Bari colpisce invece per la magnifica facciata barocca.

Portale della chiesa di Santa Maria Maggiore
Portale gotico della chiesa di Santa Maria Maggiore

Il quartiere di San Maurizio è il più antico e caratteristico di Caramanico Terme e si trova nella parte bassa del borgo. Qui meritano una visita la chiesa di San Maurizio, con la sua facciata rinascimentale, e l’ex convento delle Clarisse, ora adibito a Museo della Fauna.

Ex Convento delle Clarisse e Porta de Pietà
Caramanico Terme – Ex Convento delle Clarisse e Porta de Pietà

Nella parte più bassa si trovano anche la Porta de Pietà e la Porta delle Nasse, la più antica del borgo e punto di accesso alla Valle dell’Orta.

Porta delle Nasse
Caramanico Terme – Porta delle Nasse

Risalendo verso il corso principale, e seguendo le indicazioni per il castello, si arriva nella parte alta del borgo, più curata, ma meno caratteristica della parte bassa. Qui circa settant’anni fa ancora si potevano ammirare i resti dell’antico castello, eretto in epoca longobarda a guardia dell’abitato. Ora del castello non rimane traccia, ma la vista che si gode da questo punto vale la passeggiata.

Da non perdere la chiesa romanica intitolata a San Thomas Becket, nella frazione di San Tommaso, a una manciata di chilometri da Caramanico Terme. L’edificio, costruito tra il X e il XI secolo, è un gioiello dell’arte romanica di stampo benedettino e merita sicuramente una visita.

Relax e benessere

Caramanico Terme è conosciuta sin dalla metà del 1500 per le virtù terapeutiche delle sue sorgenti sulfuree. Oggi è una rinomata località termale, che offre la possibilità di coniugare i benefici delle cure al soggiorno in uno dei borghi più belli dell’Abruzzo.

Terme di Caramanico
Terme di Caramanico

Due i complessi termali attivi. Il primo, Terme di Caramanico, è ubicato all’interno di un pregiato edificio del 1901, ampliato negli anni Sessanta con la costruzione di due hotel, ed è inserito in uno splendido giardino. Al suo interno opera personale sanitario specializzato in trattamenti termali per la cura e la prevenzione di varie patologie.

Se oltre alle virtù terapeutiche delle acque sulfuree, sei alla ricerca di una spa, puoi rivolgerti a La Réserve, un complesso di lusso dotato di piscine, sauna, palestra, area relax. Un confortevole hotel a cinque stelle e un ristorante stellato completano l’offerta per un soggiorno da sogno.

Natura a Caramanico Terme

Escursionisti e amanti della natura a Caramanico Terme hanno solo l’imbarazzo della scelta. Punto di partenza per ogni escursione è il Centro Visitatori, dove è possibile richiedere informazioni sui sentieri e materiale cartografico. Tra le escursioni più belle, e alla portata di tutti, consiglio quella alla Riserva Naturale Valle dell’Orfento, che inizia proprio dal Centro Visitatori.

Riserva Naturale Valle dell'Orfento

Se sei un camminatore allenato puoi invece scegliere itinerari più impegnativi lungo il Sentiero dello Spirito o percorrere alcuni tratti del Cammino della Libertà. Non sono poi da perdere le escursioni alla scoperta degli eremi celestiniani di San Giovanni all’Orfento, San Bartolomeo in Legio e l’abbazia di Santo Spirito a Majella.

Per gli amanti dell’adrenalina il Majagreen Parco Avventura è un’ottima occasione per una giornata all’insegna dell’adrenalina insieme a tutta la famiglia. Immerso nel parco del Pisciarello e raggiungibile dal centro di Caramanico, il parco propone numerosi percorsi sugli alberi, ponti tibetani e percorsi tirolesi. Un’area picnic con punti fuoco, noleggio mountain bike e visite guidate completano l’offerta.

Insomma Caramanico Terme è uno di quei posti dove regalarsi una pausa rigenerante a tutto tondo, ideale sia per un soggiorno in coppia che in famiglia.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui social!