Una vegetazione fitta e rigogliosa, scroscianti acque cristalline, incredibili salti di roccia. No, non è un paesaggio da fiaba. Esiste davvero! E per vederlo dovete fare l’escursione nella Valle dell’Orfento. Uno dei percorsi più amati e sicuramente una delle cose da fare in Abruzzo.

Ecco dunque tutto quello che dovete sapere per andare alla scoperta di un dei luoghi più suggestivi d’Abruzzo.

Gole nella Riserva Naturale Valle dell'Orfento
Gole nella Riserva Naturale Valle dell’Orfento

Escursione nella Valle dell’Orfento: anello del Ponte del Vallone

L’escursione nella Valle dell’Orfento inizia da Caramanico Terme e percorre una parte del Camminod di Celestino. E si sviluppa interamente all’interno di un ambiente bellissimo, ma anche molto fragile. Per preservarlo è stato protetto con l’istituzione di un’Area di riserva integrale “A”.

Per questo è obbligatoria la registrazione presso il Centro Visitatori di Caramanico Terme, gestito dalla società Majambiente. Il personale è sempre gentile e disponibile e vi fornirà informazioni attendibili sullo stato dei sentieri. Inoltre qui organizzano interessati escursioni guidate con guide escursionistiche professionali.

Potrebbe interessarvi anche: Caramanico Terme, per un soggiorno tra natura e relax

Escursione nella Valle dell’Orfento: caratteristiche del percorso

Descrizione percorso

  • Località di partenza e arrivo: Centro Visita Caramanico Terme (Località Santa Croce, via del Vivaio,1)
  • Tempo di percorrenza: circa 3:30 ore
  • Difficoltà: T/E
  • Lunghezza del percorso: circa 8 km
  • Dislivello: 210 m
  • Segnaletica: Bianco-rossa B2 e S (Sentiero dello Spirito)
  • Periodo consigliato: da aprile a novembre
  • Punti acqua: Fontana Santa Croce, all’inizio dell’itinerario. Lungo il percorso non ci sono fontane, per cui è necessario portare una quantità d’acqua sufficiente per affrontare tutto l’itinerario (1,5 litri)
  • Abbigliamento consigliato: scarponi da trekking (in alternativa delle running ben collaudate), pantaloni comodi e lunghi, maglietta di ricambio, calzini di ricambio, zaino

Se non sei un escursionista esperto o non conosci la zona, non avventurarti da solo sui sentieri.

Su tutto l’Abruzzo operano guide escursioniche e di media montagna per andare alla scoperta di questa bellissima regione in tutta sicurezza.

Itinerario dell’andata

Una volta registrati al Centro Visitatori di Caramanico Terme, uscite dal cancello a destra, vicino al tholos di pietra. Da lì seguite le indicazioni per il Ponte del Vallone (segnavia bianco-rosso B2). Dopo aver costeggiato il recinto dell’hotel La Reserve (il forte odore proviene dalle sorgenti sulfuree), il percorso prosegue a saliscendi fino al Fosso Margano. E da qui parte una breve ma ripida salita che vi porta a uno del punti panoramici più belli dell’itinerario.

Escursione nella Valle dell'Orfento - Veduta sul complesso della Majella
Veduta sul complesso della Majella

Il sentiero prosegue dunque a mezza costa, in lieve discesa, fino al Ponte del Valllone. Qui potete concedervi una breve sosta per scattare qualche foto.

Primula vicino al Ponte del Vallone
Primula vicino al Ponte del Vallone

Itinerario del ritorno

Quando vi rimettete in cammino, attraversate il ponte del Vallone. E proseguite tenendo sulla vostra sinistra il fiume (segnavia bianco-rosso S).

Lo scorrere dell’acqua, gli spettacolari salti di roccia, tra piccole radure erbose, boschetti e grotte rendono la passeggiata molto piacevole.

Superate dunque una piccola cengia, dove il passaggio è reso sicuro da un cavo in acciaio fissato alla parete. Salite quindi sui gradini scavati nella roccia grezza. E dopo qualche minuto vi ritroverete ad ammirare il vallone dal magnifico ponte romano di San Cataldo.

Le Gole dell’Orfento

A dieci minuti di cammino dal ponte, troverete un bivio. Seguite dunque l’indicazione per il Ponte di Caramanico.

Una morbida discesa conduce nel cuore delle gole dell’Orfento. Ora state per entrare nella parte più bella di tutta l’escursione.

Al termine della discesa, vi ritrovere davanti a uno scenario da fiaba. Le imponenti pareti rocciose, una vegetazione rigogliosa e selvaggia e lo scorrere impetuoso delle acque limpide dell’Orfento. Continuate dunque a camminare sino al Ponte di Caramanico. Poi trovatevi un posto. Sedetevi. E godetevi lo spettacolo in pace.

Gole dell'Orfento - Cascata artificiale
Gole dell’Orfento – Cascata artificiale

Per tornare al punto di partenza, dovete tornare indietro sino al bivio. Quindi dovrete prendere sulla destra e inizare la salita delle Le Scalelle. Forse faticosa, certo. Ma generosa di scorci bellissimi.

Alla fine della salita, il sentiero erboso costeggia il Centro Faunistico della Lontra Europea e vi porta al Centro Visita.

Raccomandazioni per un’escursione nella Valle dell’Orfento

La fitta rete di sentieri che percorre il Vallone dell’Orfento vi consente di modulare l’itinerario in base delle vostre esigenze. E anche di raggiungere alcuni eremi del Cammino di Celestino. Come l’eremo di San Bartolomeo in Legio, L’eremo di San Giovanni all’Orfento e l’eremo di Santo Spirito a Majella

. Qualsiasi cosa vogliate fare, vi consiglio di non improvvisare. Meglio organizzarsi e chiedere informazioni al personale del Centro Visita di Caramanico Terme.

Tenete sempre a mente che siete all’interno di una riserva naturale di grande valore ambientale. Abbiatene cura!

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

CONDIVIDILO SUI SOCIAL!